Blog Lpd Notizie flash dall'Italia e dal mondo. Oltre 80.000 notizie di libera consultazione.  

 

 

d

 

   

frascan web solutions

   

Area Riservata  

   

unidata

   

Pagine Facebook  

d Clicca qui

Sostituisce la piattaforma Google + che dal 2 aprile 2019 non sarà più visibile

 

   

Forme di collaborazione con il portale  

 

 

   

Modalità per consultare e/o ricevere soltanto il documento che interessa  

 

Per consultare e/o ricevere soltanto la notizia che interessa e per cui occorre la registrazione inquadra il QRCode ed effettua una donazione a piacere.
Per sapere come ricevere poi il documento  CLICCA QUI

 

 

   

Apparecchi senza vincite in denaro di cui all'art. 110, comma 7, del T.U.L.P.S.

Dettagli
Ministero dell'economia e delle finanze
Nota 21-4-2006 n. 13276/Giochi/ADI/2006
Apparecchi senza vincite in denaro di cui all'art. 110, comma 7, del T.U.L.P.S. - Note integrative alla circolare n. 2/Giochi/ADI/2005 del 18 novembre 2005.
Emanata dal Ministero dell'economia e delle finanze, Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, Direzione generale, Direzione per i giochi.
 
Ministero dell'economia e delle finanze
Nota 21-4-2006 n. 13276/Giochi/ADI/2006
Apparecchi senza vincite in denaro di cui all'art. 110, comma 7, del T.U.L.P.S. - Note integrative alla circolare n. 2/Giochi/ADI/2005 del 18 novembre 2005.
Emanata dal Ministero dell'economia e delle finanze, Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, Direzione generale, Direzione per i giochi.

D.Dirett. 8 novembre 2005

L. 30 dicembre 2004, n. 311

R.D. 18 giugno 1931, n. 773

 


Nota 21 aprile 2006, n. 13276/Giochi/ADI/2006

Apparecchi senza vincite in denaro di cui all'art. 110, comma 7, del T.U.L.P.S. - Note integrative alla circolare n. 2/Giochi/ADI/2005 del 18 novembre 2005.

 

------------------------

 Emanata dal Ministero dell'economia e delle finanze, Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, Direzione generale, Direzione per i giochi.

 

 


 

  Agli  Uffici regionali dei Monopoli di Stato 
    Loro sedi 
e, p.c.  Al  Direttore generale di AAMS 
    Sede 
  Alla  Direzione per le strategie 
    Sede 
  Alla  Direzione per le accise 
    Sede 
  Alla  Direzione per l'organizzazione e la gestione delle risorse 
  Alla  A.C.M.I. 
    Via Sebastiano Serio, 26 
    40128 Bologna 
  Alla  A.N.E.S.V. - A.G.I.S. 
    Via di Villa Patrizi, 10 
    00161 Roma 
  All'  Assotrattenimento 
    Via Nazionale, 88 
    10020 Cambiano (TO) 
  Alla  S.A.P.A.R. - A.G.I.S. 
    Via di Villa Patrizi, 10 
    00161 Roma 
  Alla  SINDAUT - FIPE 
    Via Mantova, 44 
    00198 Roma 
  Alla  A.S.G.I - Associazione sale giochi italiane 
    Viale Corridoni, 17 
    47838 Riccione (RN) 
  All'  A.GES.A - Associazione gestori dell'automatico 
    Via del Fosso dell'Acqua Mariana, 84/A 
    00040 Morena 
    Roma 

 

 

------------------------

Premessa

 

Come già delineato nella circolare citata in oggetto, il combinato disposto dei commi 500 e 501 dell'articolo 1 della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (legge finanziaria 2005) ha previsto, anche per gli apparecchi senza vincite in denaro di cui all'art. 110, comma 7, del T.U.L.P.S., la verifica tecnica di conformità dell'esemplare di modello.

Successivamente, il decreto direttoriale 8 novembre 2005 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 262 del 10 novembre 2005) ha stabilito le "regole tecniche di produzione e le metodologie di verifica tecnica" per gli apparecchi in commento.

In tale contesto normativo, la tipologia di apparecchi sopra richiamata può essere prodotta, distribuita e gestita solo previo accertamento della verifica tecnica di conformità dell'esemplare di modello il cui superamento permette, successivamente, il rilascio dei nulla osta di distribuzione e messa in esercizio da parte di AAMS, ai sensi dell'art. 38 della legge 23 dicembre 2000, n. 388.

Al riguardo, si è più volte chiarito che l'assetto normativo oggi esistente, facendo esplicito riferimento al modello di apparecchio, presuppone che ogni esemplare prodotto o distribuito in conformità al modello omologato deve poter essere identificato - in qualsiasi momento ed in modo certo - in relazione alla propria tipologia di appartenenza, unitamente ai giochi autorizzati per il modello in questione. Tale concetto, inoltre, che identifica l'apparecchio come il complesso dei dispositivi destinati al gioco, è ulteriormente chiarito dall'art. 1, comma 2 lett. c), del decreto sulle regole tecniche.

Tanto premesso, sono state riscontrate alcune esigenze provenienti dal settore secondo cui alcuni modelli di apparecchi, pur utilizzando la stessa "scheda" o "software" di gioco, sono prodotti in formati diversi ed assumere denominazioni commerciali diverse. In tale situazione, il produttore/importatore a fronte di un esemplare di modello unico prodotto in formati diversi è costretto - con le attuali procedure - a richiedere la verifica tecnica di conformità per ogni singolo formato di apparecchio, con un aggravio dei costi relativi alla verifica stessa.

Al fine di contemperare le esigenze normative sopra richiamate con quelle rappresentate dagli operatori del settore si modificano alcune procedure amministrative di seguito indicate.

 

------------------------

 


1. Certificazione di conformità.

 

Ove l'esemplare di modello prototipale sottoposto a verifica tecnica di conformità sia prodotto in più formati provvisti, in ogni caso, della stessa scheda o software di gioco (e quindi dello stesso numero e tipologia dei giochi), il produttore/importatore presenterà il Modulo RVC/7 - opportunamente modificato - nel quale, oltre agli elementi conoscitivi previsti nella SEZ. A) andranno indicate - nella nuova SEZ. B) - le denominazioni commerciali riferite agli ulteriori formati prodotti per il medesimo modello, fino ad un massimo di tre.

Al fine di non ingenerare equivoci di sorta è bene chiarire che, nel caso in cui un modello prototipale sia prodotto in più formati, tutti i formati devono essere sottoposti a verifica tecnica di conformità e, al nuovo Modulo RVC/7, deve essere allegata la documentazione prevista dall'articolo. 4 del decreto direttoriale 8 novembre 2005 per l'esemplare prototipale menzionato nella predetta SEZ. A) e per ogni formato inserito nella SEZ. B) del medesimo Modulo.

Nella situazione delineata, AAMS attribuirà a ciascun formato un codice modello che sarà riportato nel relativo certificato di conformità.

 

 

2. Verifica di conformità per l'aggiornamento (UPGRADE).

 

Come già indicato nella circolare n. 2/Giochi/ADI/2005 del 18 novembre 2005, la richiesta di upgrade del modello già omologato, deve essere avanzata dal produttore/importatore mediante l'invio ad AAMS del predetto Modulo RVC/7.

Per i modelli che possono essere prodotti in diversi formati, nella compilazione del predetto Modulo, nella SEZ. C) dovranno essere indicati i codice modello attribuiti da AAMS, per i quali si richiede l'upgrade.

 

 

 

3. Oneri a carico dei produttori/importatori.

 

In presenza di esemplari di modello riproducibili in formati diversi, il costo per la verifica è calcolato, aggiungendo al costo base già prestabilito una quota suppletiva, per ciascun esemplare.

Tali costi saranno pubblicati sul sito AAMS.

 

Il Direttore

Antonio Tagliaferri

Nuova pagina 2

Apparecchi da divertimento ed intrattenimento senza vincite in denaro (art. 110, comma 7, del T.U.L.P.S.).
---
Emanata dal Ministero dell'economia e delle finanze, Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, Direzione generale, Direzione per i giochi.
 
Ministero dell'economia e delle finanze
Nota 21-4-2006
Apparecchi da divertimento ed intrattenimento senza vincite in denaro (art. 110, comma 7, del T.U.L.P.S.).
Emanata dal Ministero dell'economia e delle finanze, Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, Direzione generale, Direzione per i giochi.

R.D. 18 giugno 1931, n. 773

 

Nota 21 aprile 2006

Apparecchi da divertimento ed intrattenimento senza vincite in denaro (art. 110, comma 7, del T.U.L.P.S.).

 

 

 Emanata dal Ministero dell'economia e delle finanze, Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, Direzione generale, Direzione per i giochi.

 

 


Così come indicato nella circ. n. 2/Giochi/ADI/2005 del 18 novembre 2005, e successivamente integrato con la nota n. 13276 del 21 aprile 2006, si comunicano i costi relativi alle attività di "Verifica tecnica di conformità" nonché al rilascio dei nulla osta di distribuzione e messa in esercizio, provvisti dei relativi dispositivi "RFID".

 

"Verifica tecnica di conformità" dell'esemplare di modello relativo ad   
   
Apparecchi di cui all'art. 110, comma 7 - lett. a) TULPS  € 1.000,00 (mille/00) 
Costo aggiuntivo per ciascun formato dello stesso esemplare   
di modello  € 350,00 (trecentocinquanta/00) 
Apparecchi di cui all'art. 110, comma 7 - lett. c) TULPS -   
Monogioco (mono o multipostazione) senza alcun collegamento   
in rete  € 3.000,00 (tremila/00) 
Costo aggiuntivo per ciascun formato dello stesso esemplare   
di modello  € 1.000,00 (mille/00) 
Apparecchi di cui all'art. 110, comma 7 - lett. c) TULPS -   
Multigioco (mono o multipostazioni) senza alcun collegamento   
in rete  € 6.000,00 (seimila/00) 
Costo aggiuntivo per ciascun formato dello stesso esemplare   
di modello  € 1.500,00 (millecinquecento/00) 
Apparecchi di cui all'art. 110, comma 7 - lett. c) TULPS -   
Mono o Multigioco (mono o multipostazioni) connessi in rete  € 6.000,00 (seimila/00) 
Costo aggiuntivo per ciascun formato dello stesso esemplare   
di modello  € 1.500,00 (millecinquecento/00 
   
(Nulla osta di distribuzione"   
comprensivo di RFID-interno e verifica post-produzione  € 50,00/ cad. (cinquanta/00) 
   
(Nulla osta per la messa in esercizio"   
comprensivo di RFID-esterno  € 10,00/ cad. (dieci/00) 

 

 

Si comunica, inoltre, che i pagamenti relativi agli atti amministrativi concernenti le attività sopra richiamate devono essere effettuati, dal soggetto avente titolo, sul c/c bancario di seguito riportato.

Intestatario del conto:

SOGEI - Società Generale d'Informatica S.p.A.

Istituto Sanpaolo IMI S.p.A. - Filiale Roma Eur, Viale dell'Arte 19/a - 00144 Roma

Cin z

Abi 01025

Cab 03201

Conto 100000060225

   

Lpd - documenti sfogliabili  

        Solo consultazione.  Non è possibile richiedere l'invio del Pdf.  

 

   
© LPD - Laboratorio di Polizia Democratica