Ministero della Pubblica Istruzione - Cedolino stipendio elettronico.

Dettagli

Nuova pagina 1

Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca
Nota 26-1-2006 n. 313
Cedolino stipendio elettronico.
Emanata dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, Direzione generale per i sistemi informativi.

Nota 26 gennaio 2006, n. 313 (1).

Cedolino stipendio elettronico.

 

 

(1) Emanata dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, Direzione generale per i sistemi informativi.

 

 

 

  tutti gli Uffici centrali e periferici 
  tutte le Istituzioni scolastiche 

 

 

Lo scrivente ufficio continua a ricevere numerosi quesiti in merito alle modalità di ottenimento e di ricezione del cedolino stipendiale in formato elettronico. Si ritiene utile, pertanto, fornire ulteriori chiarimenti, con particolare riguardo alla tempistica delle operazioni che coinvolgono l'Amministrazione, il Tesoro e la rubrica della Pubblica Amministrazione, all'interno della quale confluiscono i nominativi candidati alla ricezione del cedolino via e-mail, (purché esclusivamente in possesso di una casella nel dominio "istruzione.it"). La tabella seguente illustra le modalità di svolgimento del processo:

 

Inizio mese - ultimo giorno lavorativo del mese corrente  Registrazione al servizio di posta "istruzione.it" dei soggetti interessati a ricevere il cedolino elettronico e contestuale trasferimento telematico dei nominativi alla rubrica PA 
Prima settimana del mese successivo  Prelevamento da parte del tesoro dei nominativi dalla rubrica PA e verifiche di correttezza 
Seconda settimana del mese successivo per una durata di circa dieci giorni  Invio per posta elettronica dei cedolini a tutto il personale risultante in rubrica nel mese precedente 

 

 

Appare evidente che il personale che si registra per la prima volta comincia a ricevere il cedolino dal mese successivo a quello di registrazione. Si fa presente inoltre che i periodi sopra riportati sono indicativi e potrebbero essere anticipati o posticipati sulla base delle esigenze del Tesoro, è quindi possibile, in caso di anticipo del prelevamento dei nominativi dalla rubrica PA, che anche chi si registra a fine mese non sia in grado di rientrare nell'invio del mese successivo, ma in quello immediatamente seguente. Si precisa inoltre che in nessun modo è possibile, per il momento, ricevere cedolini di mesi arretrati.

Quanto al termine dal quale, trascorsi tre mesi, cesserà l'invio del cartaceo (valido solo per chi è in possesso di e-mail), questo non è ancora stato fissato e sarà deciso dall'Amministrazione di concerto con il Tesoro, provvedendo a dare tempestiva informazione a tutti gli interessati. Si ricorda ancora che il cedolino viene prodotto in formato pdf, per il quale è necessario disporre sul proprio pc dell'apposito lettore, liberamente scaricabile al sito www.adobe.com. Si pregano gli uffici in indirizzo, ed in particolare le istituzioni scolastiche, di dare alla presente la massima diffusione a tutto il personale, in modo da poter fugare molti dei dubbi ancora presenti sull'operazione.

 

Il Direttore generale

Alessandro Musumeci

 

 

 

--

   
© LPD - Laboratorio di Polizia Democratica