Blog Lpd Notizie flash dall'Italia e dal mondo. Oltre 70.000 notizie di libera consultazione.  

 

 

d

 

   

frascan web solutions

   

Area Riservata  

   

unidata

   

Pagine Facebook  

d Clicca qui

Sostituisce la piattaforma Google + che dal 2 aprile 2019 non sarà più visibile

 

   

Forme di collaborazione con il portale  

 

 

   

Modalità per consultare e/o ricevere soltanto il documento che interessa  

Per consultare e/o ricevere soltanto la notizia che interessa e per cui occorre la registrazione inquadra il QRCode ed effettua una donazione a piacere.
Per sapere come ricevere poi il documento  CLICCA QUI

 

 

   

Fiuggi Dicembre 1999 - Documento Consiglieri Nazionali SIULP

Dettagli

 

 

 

I sottoelencati consiglieri nazionali , dirigenti territoriali , iscritti del SIULP, che si riconoscono nelle comuni radici politico - culturali del movimento riformista e progressista , per una maggiore trasparenza e democrazia dell’Istituzione Polizia di Stato, riaffermano le scelte politiche organizzative sancite nel quarto congresso nazionale, per un modello di Sindacato di ispirazione confederale unitario, pluralista e democratico.

Confederalità, solidarietà e legalità sono i valori fondanti ed ispiratori dell’agire civile e progressista del SIULP.

Il SIULP è per tradizione, cultura e formazione un Sindacato unitario che , da un lato ha consentito l’introduzione dei valori confederali nella Polizia di Stato, e dall’altro ha assimilato tali valori, attraverso un percorso democratico ed autonomo, adottando una specifica identità e memoria organizzativa .

I firmatari del presente documento, a fronte delle argomentazioni in ambito confederale in merito alle libertà sindacali , nel pieno rispetto dei legittimi ed autonomi ragionamenti delle tre Confederazioni, difendono il modello organizzativo del SIULP, per evitare l’incomprensione della categoria, impedire una paradossale contrapposizione tra lavoratori e militanti ed infine, evitare che il dibattito interno sia appiattito in un confronto formale più che sostanziale e ad appannaggio dei soli vertici sindacali, producendo quale unico effetto una logica di isolamento delle Confederazioni nella loro capacità di interloquire con la nostra categoria e l’intero comparto sicurezza , ma anche onde evitare demotivazione e disimpegno dei quadri a fronte di una pratica e trasformazione sindacale ai più incomprensibile .

 

 

Pertanto, ritengono improcrastinabile, per facilitare il preseguimento di tali obiettivi:

1) rendere trasparente, visibile e partecipativo il dibattito, assumendo con assoluta priorità la necessità di non disperdere un patrimonio democratico unitario che difficilmente potrà essere ricostruito all'interno di un apparato strutturalmente verticistico e fortemente gerarchizzato, caratterizzato da una difesa corporativa ben organizzata . Apparato nel quale si è palesata l’impenetrabilità di forme organizzative rappresentative della base e non dei vertici, rafforzata anche da una aggressiva e conservatrice componente di sindacati autonomi che in prospettiva è destinata ad assumere su di essa centralità dei dibattiti sia sui modelli della sicurezza sia su quelli contrattuali ;

2) Considerare criticamente le posizioni assunte palesemente da alcune Confederazioni sindacali che con azioni e documenti hanno , in maniera autoreferenziale, imposto nuovi e discutibili percorsi organizzativi. Posizioni che provocano la grave delegittimazione dell’organizzazione SIULP e di conseguenza di quei quadri che ne difendono le ragioni organizzative ;

3) riposizionare i termini del dibattito relativo alle libertà sindacali non solo in relazione al sistema dei diritti del lavoratore di Polizia, a tutt’oggi fortemente collassato da un impianto sostanzialmente e visibilmente involutivo ma in relazione all’intero sistema sicurezza, globalmente inteso, comprensivo cioè dei modelli organizzativi, tenendo presente che l’efficacia delle politiche sindacali dipende non solo dalle forme delle rappresentanze, quanto dalla credibilità che queste sono capaci di trasmettere agli operatori e dalla capacità di aggregare le coscienze intorno al progetto di crescita della categoria e di integrazione della stessa nella società civile;

4) Rendere prioritaria e strategica l’autoriforma del SIULP, per migliorare la capacità dell’organizzazione di esprimere autonomia dagli apparati, e di aggregare la categoria, al fine di consolidare il dialogo tra i poliziotti, come valore democratico e irrinunciabile tramite di partecipazione al sistema ed alla società nella sua complessità. A tal fine è necessario indire una Conferenza organizzativa per salvaguardare il patrimonio sindacale introducendo nuove regole interne, promuovendo il confronto dialettico interno al SIULP e rifacendosi alla struttura genetica , esulando così dalla rigidità degli schemi e percorsi organizzativi delle aree di pensiero tradizionali;

5) Reimpostare un adeguato confronto sull’azione sindacale e le forme di rappresentanza per meglio individuare gli obiettivi ancora da raggiungere o fissarne di nuovi . Pertanto occorre contrastare l’assimiliazione del modello sicurezza al modello difesa , concetto antitetico alla Legge 121/81 ;

6) Rilanciare con spinta innovativa le riforma di Polizia e considerare un progetto di riorganizzazione del sistema sicurezza , non sottovalutando le resistenze che in questi anni si sono opposte alla concreta realizzazione della Legge 121/81

7) Contrastare i tentativi di controriforma ed la non assunzione di responsabilità dell’amministrazione all’ordinamento dei nuovi rapporti sindacali in materia di orario di lavoro, ambiente e diritti generali del lavoratore acquisiti e della specificità del lavoro e della professionalità del poliziotto ;

8) Rilanciare la riforma del DPR 737/81 e contrastare di quelle logiche disciplinari che all’etica della responsabilità , di fatto contrappongono un arbitrio sanzionatorio ;

9) Netta opposizione a peggioramenti della riforma pensionistica per impedire ulteriori decurtazioni e penalizzazioni dell’intero Comparto ed un corretto avvio del dirottamento volontario e non forzoso del TFR nei fondi pensioni “chiusi”.

Sull’impianto di quanto sopra esposto occorre definire con chiarezza i rapporti e le relazioni interne del SIULP, e aprire un costante e tenace contraddittorio con l’amministrazione. Nell’ambito del rapporto con le Confederazioni garantire le comunicazioni bilaterali , impedire la separatezza della Polizia dalle parti sociali , così come contrapposizioni categoriali ed interne, favorire la socializzazione e la cultura democratica e legalitaria.

Per concretizzare quanto sopra, in uno spirito collaborativo e senza alcun elemento di contrapposizione né rispetto all’esperienza unitaria del SIULP né rispetto ai valori confederali di CGIL, CISL e UIL, si ritiene necessario attivare una pratica comune concreta e reale per una “Polizia Democratica”

Aderiscono:

Consiglieri nazionali

 

Polo ANDREUCCI

Sonia ALIBERTI

Eugenio BRAVO

Antonio CIARAMELLA

Tommaso DI GAUDIO

Antonio GRAZIUSO

Antonio LANZANO

Salvatore NEGLIA

Luigi NOTARI

Massimiliano VALDANNINI

Raimondo PIRAS

Rita PARISI

Giovanni SAMMITO

ALDO SEGHI

Roberto TRAINA

 

 

   

Lpd - documenti sfogliabili  

        Solo consultazione.  Non è possibile richiedere l'invio del Pdf.  

 

   
© LPD - Laboratorio di Polizia Democratica