Blog Lpd di tutto di più. Oltre 46.000 notizie di libera consultazione.  

 

 

d

 

   

frascan web solutions

   

Area Riservata  

   

unidata

   

Pagine Facebook  

d Clicca qui

Sostituisce la piattaforma Google + che dal 2 aprile 2019 non sarà più visibile

 

   

Forme di collaborazione con il portale  

 

 

   

Si chiede all'Europa tutele e diritti sindacali per le Fiamme Gialle contro lo Stato Italiano.

Dettagli

d

Riceviamo e ben volentieri pubblichiamo

Finanzieri discriminati dalla legge italiana" Ricorso in Europa (fonte: La Stampa di Torino ed. 24.7.2014)  

 


Con preghiera di pubblicazione e divulgazione

Domani, 24 luglio, un inusuale annuncio a pagamento sarà pubblicato da un importante quotidiano nazionale. L’iniziativa ha del clamoroso, poiché i committenti dell’avviso sono quattrocento militari della Guardia di finanza che hanno presentato un ricorso alla Corte europea di Strasburgo contro lo Stato italiano.
La battaglia giudiziaria davanti alla Corte per i diritti dell’uomo trova origine dai fatti accaduti nel luglio 2011, in Val di Susa, allorquando rimasero feriti Finanzieri, Poliziotti e Carabinieri, impegnati in ordine pubblico. Per tali scontri dal 2012 è in corso a Torino un processo penale a carico di alcuni manifestanti.
Il 31 maggio 2013 il Tribunale del capoluogo sabaudo decise che il Cobar della Guardia di finanza, l’organismo che rappresenta per legge gli interessi delle Fiamme Gialle piemontesi, non poteva costituirsi parte civile in quel processo, a tutela della dignità dei Finanzieri, mentre ammise i sindacati di polizia.
I giudici non accolsero l’istanza dei rappresentanti dei Finanzieri perché agli stessi "non può attribuirsi la natura di associazioni sindacali", in quanto la legge italiana assegna lorosolo il compito di formulare pareri interni, quindi "una rappresentanza del personale che resta rigorosamente circoscritta all'interno dell'istituzione"; ed, ancora, secondo il Tribunale di Torino, il legislatore per “scelta politica", ha inteso "limitare la libertà sindacale dei militari”, impedendo loro di dar vita a formazioni aventi soggettività distinta.
Ancora una volta quindi fu deciso che esistono lavoratori in divisa di serie A (i Poliziotti) e lavoratori in divisa di serie B (i Finanzieri), anche se le botte che si prendono sono le stesse.
L’esito ha creato un tale sconcerto ed amarezza tra le Fiamme Gialle che quattrocento Finanzieri, molti dei quali rappresentanti del personale e tutti i delegati del Consiglio Centrale di Rappresentanza, hanno deciso di non assecondare tale decisione ma di proporre ricorso alla Corte europea di Strasburgo, per violazione al diritto di associazione ed al diritto di difendere giudiziariamente le proprie ragioni.
I Finanzieri, che sono patrocinati dall’avvocato Andrea Saccucci, professore di Diritto internazionale nella Seconda Università di Napoli, hanno denunciato a Strasburgo la violazione del diritto alla libertà di associazione sindacale, perché il divieto assoluto, imposto dalla legislazione attualmente vigente, di costituire (o aderirare ad) associazioni professionali a carattere sindacale costituisce una restrizione all'esercizio di tale diritto da parte di tutti gli appartenenti al corpo della Guardia di Finanza, la quale non risponde ad alcuna finalità di interesse generale e non tiene in alcun modo conto delle peculiari funzioni di polizia svolte dalle Fiamme Gialle nell'ordinamento italiano. Tale divieto, inoltre, determina una disparità di trattamento, priva di qualsivoglia giustificazione oggettiva e ragionevole, rispetto ad altri funzionari dello Stato (si pensi, in particolare, alla Polizia di Stato), ai quali viene riconosciuta ampia libertà sindacale. I ricorrenti hanno, infine, invocato la violazione del diritto di accesso ad un giudice in relazione all'impossibilità per i rappresentanti piemontesi della Guardia di Finanza di costituirsi parte civile nel procedimento dinanzi al Tribunale di Torino a tutela degli interessi dei colleghi feriti in occasione degli scontri in Val di Susa.
Non contenti dell’eccezionale iniziativa giudiziaria contro lo Stato italiano, i quattrocento Finanzieri hanno anche deciso di renderla pubblica con l’annuncio a pagamento di cui si diceva all’inizio, al fine di sensibilizzare sulla mancanza di tutele per le Fiamme Gialle sia l’opinione pubblica che la classe politica.
E’, infatti, in corso alla Camera dei Deputati l’esame delle modifiche alle normative in materia di rappresentanza dei militari. Dai lavori svolti sinora pare che la maggioranza parlamentare sia orientata ad approvare delle norme che non tengono affatto in considerazione la richiesta di associazionismo professionale che i Finanzieri avanzano da molti anni.
L’iniziativa giudiziaria e mediatica ha quindi lo scopo di indirizzare in tal senso i lavori parlamentari, evitando che si ripeta l’errore di applicare al personale della polizia economica finanziaria le leggi previste per  le Forze Armate.

Per scaricare il manifesto   

Il presente messaggio (inclusi gli allegati) contiene informazioni riservate ed indirizzate esclusivamente al destinatario/ai destinatari sopra indicati. La diffusione, distribuzione, copia o altro uso del contenuto del presente messaggio da parte di qualsiasi soggetto diverso dal destinatario, sono severamente vietati, sia ai sensi dell'art. 616 cod.pen., sia ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003. Qualora non foste il destinatario del presente messaggio, o vi fosse pervenuto per errore, vi preghiamo di darne immediata comunicazione al mittente e di cancellarlo dal vostro sistema.

This message (including any attachments) contains confidential information intended only for the recipient(s) named above. Any disclosure, distribution, copying or otherwise using of this message by any subject different from the named recipient(s) are strictly prohibited by law. If you are not the intended recipient of this message, or you have received this message in error, please notify the sender and delete it from your system immediately.

   

Lpd - documenti sfogliabili  

  

 

   
© LPD - Laboratorio di Polizia Democratica