Blog Lpd Notizie flash dall'Italia e dal mondo. Oltre 80.000 notizie di libera consultazione.  

 

 

d

 

   

frascan web solutions

   

Area Riservata  

   

unidata

   

Pagine Facebook  

d Clicca qui

Sostituisce la piattaforma Google + che dal 2 aprile 2019 non sarà più visibile

 

   

Forme di collaborazione con il portale  

 

 

   

Modalità per consultare e/o ricevere soltanto il documento che interessa  

 

Per consultare e/o ricevere soltanto la notizia che interessa e per cui occorre la registrazione inquadra il QRCode ed effettua una donazione a piacere.
Per sapere come ricevere poi il documento  CLICCA QUI

 

 

   

Pensioni/Pdm:Intoccabili requisiti forze armate,polizia e v.fuoco. Termine previsto da legge delega per armonizzarli è scaduto

Dettagli

d

Pensioni/Pdm:Intoccabili requisiti forze armate,polizia e v.fuoco
Termine previsto da legge delega per armonizzarli è scaduto

Roma, 8 nov. (TMNews) - "E' perfettamente inutile che il Governo
prosegua col suo progetto di revisione dei requisiti minimi di
accesso al pensionamento del personale del comparto
difesa-sicurezza e del comparto vigili del fuoco e soccorso
pubblico nonché di personale vario iscritto presso l`Inps,
l`ex-Enpals e l`ex-Inpdap, perche' il termine previsto dalla
legge delega è ampiamente scaduto. Lo sottolinea il Partito per
la tutela dei Diritti di Militari e Forze di polizia (Pdm).

"Il Dpr di emanazione del nuovo regolamento doveva essere emanato
entro il 31 ottobre scorso, come prescrive espressamente
l'articolo 24, comma 18 della legge delega ed è la terza volta
consecutiva - sottolinea il Pdm - che il Governo dei tecnici
approva un regolamento senza che poi sia possibile giungere alla
sua emanazione da parte del Presidente della Repubblica che, se
poi decidesse di emanarlo lo farebbe comunque in ritardo e a
delega scaduta e questo lo renderebbe immediatamente censurabile
nelle sedi giurisdizionali".

"E' preoccupante - conclude - la scarsa attenzione alla legalità
degli atti da parte di quei partiti o parlamentari che per pura
propaganda elettorale hanno annunciato battaglia su una questione
che a norma di legge non dovrebbe nemmeno interessare le
commissioni parlamentari e il Consiglio di Stato chiamati - con
estremo e colpevole ritardo - ad esprimere il loro parere su un
provvedimento che - e' bene ripeterlo - non può più essere
emanato".

Red/Nes

081219 nov 12


   

Lpd - documenti sfogliabili  

        Solo consultazione.  Non è possibile richiedere l'invio del Pdf.  

 

   
© LPD - Laboratorio di Polizia Democratica