Blog Lpd di tutto di più. Oltre 50.000 notizie di libera consultazione.  

 

 

d

 

   

frascan web solutions

   

Area Riservata  

   

unidata

   

Pagine Facebook  

d Clicca qui

Sostituisce la piattaforma Google + che dal 2 aprile 2019 non sarà più visibile

 

   

Forme di collaborazione con il portale  

 

 

   

Pensioni: Fornero - Comparto Sicurezza, Difesa e soccorso pubblico in pensione a 63 anni!

Dettagli

d

Pensioni/ Fornero: Norme comparto sicurezza in direzione riforma
"C'è questione equità ed armonizzazione"

Roma, 7 nov. (TMNews) - Le norme per il pensionamento dei
dipendenti del comparto difesa e sicurezza, licenziate dal
consiglio dei ministri e ora al vaglio del Parlamento, vanno
"nella stessa direzione" delle riforma previdenziale "ispirata a
un criterio di sostenibilità finanziaria ed equità tra e dentro
le generazioni". Lo ha detto il ministro del Welfare, Elsa
Fornero, in audizione alla Camera sull'armonizzazione dei
requisiti di accesso al sistema pensionistico per il personale
del comparto difesa e sicurezza.

"Quello proposto per il comparto sicurezza va nella stessa
direzione - ha aggiunto - c'è una questione di equità ed
armonizzazione".

Vis

071433 nov 12

PENSIONI: FORNERO, MODIFICHE COMPARTO SICUREZZA IN RISPETTO SPECIFICITA' =
PROVVEDIMENTI PUNTANO A EQUITA' E ARMONIZZAZIONE CON SISTEMA
NAZIONALE

Roma, 7 nov. (Adnkronos) - Il sistema previdenziale nel comparto
della sicurezza va rivisto considerando i requisiti di ''equita' e
armonizzazione'', rispetto al sistema previdenziale nazionale, e le
''specificita''' del settore. Lo afferma il ministro del Lavoro, Elsa
Fornero, nel corso di un'audizione nelle commissioni riunite Affari
costituzionali, Difesa e Lavoro della Camera, parlando del
provvedimento approvato dal Consiglio dei ministri e trasmesso a
parlamento e Consiglio di Stato per l'acquisizione dei relativi
pareri. (segue)

(Sim/Zn/Adnkronos)
07-NOV-12 14:46

NNNN


PENSIONI: FORNERO, PER COMPARTO SICUREZZA IRRINUNCIABILE ESIGENZA RIFORMA =
PROVVEDIMENTO E' PUNTO DI CONVERGENZA EQUILIBRATO

(Adnkronos) - Il provvedimento che rivede il sistema
previdenziale per il comparto della sicurezza ''a mio avviso
rappresenta il punto di convergenza piu' equilibrato, tra
irrinunciabili esigenze di riforma per il riassetto del sistema
pensionistico e necessita' di salvaguardare le specificita' e
peculiarita' connesse a questi settori''. Lo afferma il ministro del
Lavoro, Elsa Fornero, nel corso di un'audizione nelle commissioni
riunite Affari costituzionali, Difesa e Lavoro della Camera, parlando
del provvedimento approvato dal Consiglio dei ministri e trasmesso a
parlamento e Consiglio di Stato per l'acquisizione dei relativi
pareri.

(Sim/Opr/Adnkronos)
07-NOV-12 14:58

LAVORO:FORNERO, DIFESA E SICUREZZA IN PENSIONE A 62 ANNI DAL 2018 =
(AGI) - Roma, 7 nov. - Personale di truppa, sergenti e
marescialli andranno in pensione di vecchiaia dal 2018 a 62
anni, anziche' a 60 come avviene oggi. Lo ha detto il ministro
del Lavoro, Elsa Fornero, intervenendo alla Commissione Lavoro
della Camera. Il resto del personale del comparto difesa e
sicurezza, ha aggiunto, andra' in pensione a 63 anni. Le norme
approvate dal Consiglio dei ministri, ha poi sottolineato,
"sono ispirate a criteri di sostenibilita' finanziaria ed
equita' tra le generazioni e dentro le generazioni. Quel che
abbiamo proposto per il comparto sicurezza va nella stessa
direzione". (AGI)
Fri
071504 NOV 12

NNNN

PENSIONI: FORNERO, MODIFICHE COMPARTO SICUREZZA IN RISPETTO SPECIFICITA' (2) =

(Adnkronos) - Il ministro sottolinea che occorre partire dal
vigente quadro normativo nazionale. L'intervento ipotizzato dal
Consiglio dei ministri lo scorso 26 ottobre, infatti, parte proprio
dal presupposto di adottare misure volte a un incremento dei requisiti
minimi per il pensionamento. Il provvedimento e' frutto di un lavoro
tra i ministri interessati, del confronto con le rappresentanze
sindacati.

''Le finalita' di contenimento della spesa, proprie del decreto
legge salva Italia, hanno condotto al forte inasprimento dei requisiti
per tutti gli altri lavoratori''. Secondo Fornero c'e' una ''specifica
esigenza di equita''' che viene soddisfatta attraverso le misure
all'esame del parlamento, ''pur nel riconoscimento delle specificita'
delle forze armate e di polizia''.

Si parte dalla riforma nazionale, ''ispirata a criteri di
sostenibilita' finanziaria ma anche di equita' tra generazioni e
diverse categorie''. Il ministro ribadisce quindi che nel
provvedimento ''c'e' la questione dell'equita' e dell'armonizzazione,
nel riconoscimento dell'importanza del ruolo svolto dalle categorie di
lavoratori e delle specificita' di questo lavoro''.

(Sim/Zn/Adnkronos)
07-NOV-12 15:14

NNNN

PENSIONI: FORNERO, PER COMPARTO SICUREZZA IRRINUNCIABILE ESIGENZA RIFORMA (2) =
DA 2018 PER TRUPPE VECCHIAIA A 62 ANNI PIU' ADEGUAMENTO
ASPETTATIVE VITA

(Adnkronos) - Il ministro spiega che, secondo quanto previsto
dallo schema di decreto, il personale di truppa, sergenti e
marescialli dal 2018 andranno in pensione di vecchiaia a 62 anni,
ferma restando l'applicazione delle norme sulla speranza di vita
(contro i 60 anni di oggi). Per il resto del personale si andra' in
pensione a 66 anni e sette mesi, ferma restando applicazione della
norma sulla speranza di vita (contro i 63 anni di oggi). Con il nuovo
sistema, quindi, per marescialli e sergenti sara' applicato lo stesso
calcolo del personale di truppa, mentre oggi l'eta' pensionabile e'
fissata a 63 anni. Il pensionamento anticipato sara' consentito a 42
anni e 3 mesi, in luogo degli attuali '40 anni piu' uno' vigenti oggi.

(Sim/Ct/Adnkronos)
07-NOV-12 15:31

NNNN
PENSIONI: GASPARRI, FORZE ORDINE?PARLAMENTO CONTA PIU' DI FORNERO =
(AGI) - Roma, 7 nov. - "Per quanto riguarda il sistema
previdenziale del comparto sicurezza-difesa, il ministro
Fornero sappia che il nostro giudizio sul regolamento sara'
conforme all'ordine del giorno approvato dal Senato in
materia". Lo afferma Maurizio Gasparri ricordando che "la
volonta' del Parlamento conta piu' della sua".
"La specificita' del settore e' gia' stata in parte
rispettata grazie all'iniziativa del Pdl che ha cancellato
alcuni insani propositi della Fornero. Andremo avanti per
tutelare il personale in divisa", conlude il presidente del
gruppo Pdl al Senato. (AGI)
Red/Bal
071735 NOV 12

NNNN

PENSIONI: FORNERO, PER COMPARTO SICUREZZA IRRINUNCIABILE ESIGENZA RIFORMA (3) =

(Adnkronos) - ''Capisco benissimo il lavoro delle forze armate e
le loro difficolta', pero' abbiamo agito in una situazione di grave
difficolta' per il paese'', dice il ministro. Il requisito di
armonizzazione tra tutte le pensioni ''non si raggiunge tenendo ferma
una categoria e incrementando fortemente i requisiti di accesso per
tutte le altre; si ottiene invece facendo fare un piccolo passo, che
e' quello contenuto in questa proposta''. Fornero spiega che la
distanza tra il comparto della sicurezza e il resto del sistema
previdenziale, dopo la riforma, ''aumenta anche con l'approvazione di
questo regolamento, quindi non vuol dire avere trascurato le
specificita' o aver dimostrato insensibilita'''.

Grazie alla finestra mobile, inoltre, ''in molti casi l'aumento
sara' di pochi mesi. Se non facessimo nemmeno quello che e' contenuto
nel provvedimento noi faremmo un passo indietro perche' amplieremmo le
distanze tra la popolazione generale e queste particolari categorie''.
Il ministro, infine, si dice ''serena, anche rispetto a termini che ho
usato: sacrifici, rigore finanziario, equita'. Sono convinta di quello
che abbiamo presentato''.

Il ministro annuncia che, nel provvedimento, si tiene anche
conto di ''differenze che sono sotto gli occhi di tutti, relative a
chi sta piu' in strada e deve rincorrere ladri, delinquenti o scortare
i politici e chi sta negli uffici, che non ha lo stesso tipo di
usura''. In diverse occasioni, sottolinea Fornero, ''ho parlato con le
forze dell'ordine, che ho sempre trovato disponibili, chiaro segno di
responsabilta' e della volonta' di partecipare ai sacrifici''.

(Sim/Ct/Adnkronos)
07-NOV-12 17:45

NNNN

PENSIONI:GASPARRI,FORNERO? SU FORZE ORDINE CONTA PARLAMENTO

(ANSA) - ROMA, 7 NOV - ''Per quanto riguarda il sistema
previdenziale del comparto sicurezza-difesa, il ministro Fornero
sappia che il nostro giudizio sul regolamento sara' conforme
all'ordine del giorno approvato dal Senato in materia. La
volonta' del Parlamento conta piu' della sua. La specificita'
del settore e' gia' stata in parte rispettata grazie
all'iniziativa del Pdl che ha cancellato alcuni insani propositi
della Fornero. Andremo avanti per tutelare il personale in
divisa''. Lo dice il presidente del gruppo Pdl al Senato,
Maurizio Gasparri.(ANSA).

SES
07-NOV-12 18:12 NNNN

PENSIONI: FIANO (PD), RIFORMA COMPROMETTE MODELLO DI SICUREZZA =
IMPOSSIBILE ELEVARE ETA' PENSIONISTICA OPERATORI

Roma, 7 nov. - (Adnkronos) - La rifoma delle pensioni del
ministro Elsa Fornero compromette il modello di sicurezza. Lo sostiene
Emanuele Fiano, presidente forum Sicurezza e Difesa del Pd.

"Nel corso dell'audizione tenuta oggi alla Camera dal ministro
Fornero sul tema della riforma previdenziale del comparto sicurezza,
difesa e soccorso pubblico, il Pd -spiega Fiano- ha sottolineato che
il governo pare non comprendere che l'effetto di questa riforma non
colpisce solo le aspettative individuali rispetto all'eta'
pensionabile, cosi' come per altro per moltissime altre categoria dei
lavoratori, ma sommandosi contemporaneamente al blocco del turn-over,
al blocco del riordino delle carriere e a una generale situazione di
mancanza di mezzi e di tagli dei finanziamenti prodotta dal precedente
governo, compromette il modello di sicurezza e quindi produce un danno
per tutti i cittadini".

"In Italia, abbiamo un sistema di sicurezza con l'eta' media
piu' avanzata d'Europa, che quindi non puo' sopportare un ulteriore
innalzamento dell'eta' media degli operatori. Per questo, lavoreremo
alla Camera in commissione Lavoro, insieme agli altri gruppi, perche'
si riduca il previsto aumento dell'eta' pensionabile -conclude Fiano-
contenuto nella riforma e si eviti in questo modo un peggioramento
complessivo del modello di sicurezza".

(Pol/Ct/Adnkronos)
07-NOV-12 18:27

NNNN

PENSIONI: FORNERO, FORZE ARMATE A RIPOSO A 62 ANNI DAL 2018

(ANSA) - ROMA, 7 NOV - I lavoratori delle forze dell'ordine
andranno in pensione di vecchiaia dal 2018 a 62 anni se parte
della truppa, sergenti o marescialli (rispetto ai 60 attuali)
mentre il resto del personale dovra' attendere almeno i 63 anni.
Lo ha detto il ministro del Lavoro, Elsa Fornero nel corso di
una audizione alla Camera spiegando che il regolamento di
armonizzazione tiene conto delle ''obiettive peculiarita''' del
settore ma anche delle esigenze di equita' rispetto al resto dei
lavoratori. (ANSA).

TL
07-NOV-12 14:44 NNNN

PENSIONI: FORNERO, FORZE ARMATE A RIPOSO A 62 ANNI DA 2018 (2)

(ANSA) - ROMA, 7 NOV - Fornero ha ricordato che per il
settore della sicurezza e' previsto comunque un accesso
anticipato alla pensione rispetto alle previsioni generali. Il
regolamento, secondo il ministro, ha trovato un punto di
equilibrio tra ''l'irrinunciabile esigenza di riforma e la
necessita' di salvaguardare le diverse peculiarita' dei settori
interessati''.
Si potra' andare in pensione anticipata con 42 anni e tre
mesi di anzianita' (in luogo dei 40 anni piu' uno di decorrenza
attuali) con penalizzazioni se si esce dal lavoro prima dei 59
anni (dal 2019, o 58 tra il 2013 e il 2018). Per il comparto
sicurezza restano in vigore le quote (abolite per il resto dei
lavoratori) con la possibilita' di andare in pensione dal 2019
con quota 99 (59 anni di eta' e 40 di contributi). (ANSA).

TL
07-NOV-12 14:49 NNNN
PENSIONI: CIRIELLI, FORNERO CHIARISCA SU FUTURO LAVORATORI FORZE ARMATE =

Roma, 7 nov. - (Adnkronos) - "Sono stupito dal comportamento che
il ministro Fornero continua ad avere nei confronti degli appartenenti
al comparto Difesa-Sicurezza ed esprimo il mio piu' profondo
disappunto in merito alla gestione della delicata armonizzazione dei
trattamenti previdenziali dello stesso comparto". Cosi' Edmondo
Cirielli, presidente della IV Commissione Difesa della Camera dei
deputati, interviene prima dell'audizione del ministro del Lavoro e
delle politiche sociali alle Commissioni riunite Affari
costituzionali, difesa e politiche sociali della Camera dei deputati.

"Il mancato coinvolgimento dei CoCer nelle fasi preliminari alla
stesura del regolamento di armonizzazione - prosegue Cirielli - e la
mancanza di un testo ufficiale consultabile dai membri del Parlamento
ad oltre dieci giorni dall'approvazione in Consiglio dei Ministri, la
dicono lunga sull'atteggiamento irrispettoso che il Ministro sta
avendo nei confronti non solo del comparto, ma anche del Parlamento".

"Si tratta del futuro di oltre mezzo milione di persone che
quotidianamente - va avanti il presidente della Commissione Difesa -
rischiano la vita per la Patria e che non meritano affatto
l'atteggiamento che il governo sta riservando loro. Mi auguro che,
nell'audizione odierna, il Ministro Fornero possa chiarire tutte le
preoccupaziooni di chi invece ha a cuore il comparto".

(Pol/Zn/Adnkronos)
07-NOV-12 13:56

NNNN


   

Lpd - documenti sfogliabili  

  

 

   
© LPD - Laboratorio di Polizia Democratica