Blog Lpd di tutto di più. Oltre 30.000 notizie di libera consultazione.  

 

 

d

 

   

frascan web solutions

   

Area Riservata  

   

unidata

   

Pagine Facebook  

d Clicca qui

Sostituisce la piattaforma Google + che dal 2 aprile 2019 non sarà più visibile

 

   

Forme di collaborazione con il portale  

 

 

   

NOTA PER I SOSTENITORI  




D

   

Pensione di vecchiaia a favore degli assicurati per i quali il primo accredito contributivo decorre dal 1° gennaio 1996

Dettagli

d  

I.N.P.S. (Istituto nazionale della previdenza sociale)
Circ. 25-10-2012 n. 126
Accordi bilaterali di sicurezza sociale. L. 22 dicembre 2011, n. 214, di conversione con modificazioni del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, recante "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici". Pensione di vecchiaia a favore degli assicurati per i quali il primo accredito contributivo decorre dal 1° gennaio 1996 (articolo 24, comma 7) - Pensione anticipata a favore degli assicurati per i quali il primo accredito contributivo decorre dal 1° gennaio 1996 (articolo 24, comma 11). Precisazioni in materia di pensioni in regime bilaterale e cd. importo soglia.
Emanata dall'Istituto nazionale della previdenza sociale, Direzione centrale pensioni.
Circ. 25 ottobre 2012, n. 126 (1).
Accordi bilaterali di sicurezza sociale. L. 22 dicembre 2011, n. 214, di conversione con modificazioni del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, recante "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici". Pensione di vecchiaia a favore degli assicurati per i quali il primo accredito contributivo decorre dal 1° gennaio 1996 (articolo 24, comma 7) - Pensione anticipata a favore degli assicurati per i quali il primo accredito contributivo decorre dal 1° gennaio 1996 (articolo 24, comma 11). Precisazioni in materia di pensioni in regime bilaterale e cd. importo soglia.
(1) Emanata dall'Istituto nazionale della previdenza sociale, Direzione centrale pensioni.
 

 
Ai
Dirigenti centrali e periferici
 
Ai
Responsabili delle Agenzie
 
Ai
Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali
 
Al
Coordinatore generale medico legale e dirigenti medici
e, p.c.:
Al
Presidente
 
Al
Presidente e ai componenti del Consiglio di indirizzo e vigilanza
 
Al
Presidente e ai componenti del collegio dei sindaci
 
Al
Magistrato della Corte dei Conti delegato all’esercizio del controllo
 
Ai
Presidenti dei comitati amministratori di fondi, gestioni e casse
 
Al
Presidente della commissione centrale per l’accertamento e la riscossione dei contributi agricoli unificati
 
Ai
Presidenti dei comitati regionali
 
Ai
Presidenti dei comitati provinciali




 
In base al comma 7 dell'articolo 24 della L. 22 dicembre 2011, n. 214, di conversione con modificazioni del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, recante "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici", per coloro il cui primo accredito contributivo è avvenuto a decorrere dal 1° gennaio 1996, in presenza dei requisiti anagrafici e contributivi prescritti, la pensione di vecchiaia spetta, dal 1° gennaio 2012, a condizione che l'importo della pensione risulti essere non inferiore, per l'anno 2012, a 1,5 volte l'importo dell'assegno sociale di cui all'articolo 3, comma 6, della L. 8 agosto 1995, n. 335 (c.d. importo soglia).
In base al successivo comma 11 dell'articolo 24 della legge succitata, per coloro il cui primo accredito contributivo è avvenuto a decorrere dal 1° gennaio 1996, in presenza dei requisiti anagrafici e contributivi prescritti, la pensione anticipata spetta, dal 1° gennaio 2012, a condizione che l'ammontare mensile della prima rata di pensione risulti essere non inferiore ad un importo soglia mensile, pari per l'anno 2012 a 2,8 volte l'importo mensile dell'assegno sociale di cui all'articolo 3, commi 6 e 7, della L. 8 agosto 1995, n. 335 (c.d. importo soglia).
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha chiarito che ai fini della determinazione del c.d. importo soglia, occorre considerare anche il pro-rata estero, in tutti i casi in cui tale requisito sia richiesto per la concessione di una prestazione pensionistica.
In particolare il Ministero precisa che, come ai fini della valutazione dei requisiti reddituali per la concessione dell'integrazione al trattamento minimo delle pensioni in regime internazionale, si tiene conto delle prestazioni percepite dall'interessato anche a carico di altri Stati, per analogia, anche nella valutazione dell'importo soglia debbano essere seguiti gli stessi criteri applicati nella determinazione del diritto all'integrazione al trattamento minimo.
In considerazione di quanto sopra, anche al fine di non penalizzare i lavoratori con mobilità internazionale, si dispone che, dal 1° gennaio 2012, l'importo del pro-rata estero deve essere considerato nella verifica della ricorrenza del requisito introdotto dalle norme citate, in tutti i casi in cui ciò sia richiesto per la concessione di una pensione in regime bilaterale.
L'importo del pro-rata estero, cioè, dovrà essere sommato all'importo della pensione in liquidazione per verificare se il trattamento complessivo spettante al pensionato, così calcolato, non sia inferiore all'importo soglia.
Gli Accordi bilaterali di sicurezza sociale, per espressa valutazione del citato Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali, sebbene non prevedano il ricorso al principio di assimilazione di prestazioni, di cui all'art. 5 del Reg. (CE) n. 883/2004, non possono risultare in contrasto con quanto analogamente previsto in ambito comunitario, in quanto sarebbe penalizzante per i lavoratori migranti, esponendoli ad un alto rischio di rifiuto di prestazioni pensionistiche.
I singoli Accordi, riesaminati nel loro testo integrale, nulla contengono di ostativo al riconoscimento del pro-rata estero nel calcolo dell'importo soglia per coloro che rientrano totalmente nel sistema contributivo.


Il Direttore generale
Nori
 
D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, art. 24
L. 8 agosto 1995, n. 335, art. 3
Reg. (CE) 29 aprile 2004, n. 883/2004, art. 5

   

Lpd - documenti sfogliabili  

  

 

   
© LPD - Laboratorio di Polizia Democratica