Blog Lpd Notizie flash dall'Italia e dal mondo. Oltre 70.000 notizie di libera consultazione.  

 

 

d

 

   

frascan web solutions

   

Area Riservata  

   

unidata

   

Pagine Facebook  

d Clicca qui

Sostituisce la piattaforma Google + che dal 2 aprile 2019 non sarà più visibile

 

   

Forme di collaborazione con il portale  

 

 

   

Modalità per consultare e/o ricevere soltanto il documento che interessa  

Per consultare e/o ricevere soltanto la notizia che interessa e per cui occorre la registrazione inquadra il QRCode ed effettua una donazione a piacere.
Per sapere come ricevere poi il documento  CLICCA QUI

 

 

   

Interrogazione a risposta scritta 4-14041 ..divieto di esecuzione del test HIV in qualsiasi settore lavorativo, comprese Forze Armate, di polizia e corpi di vigilanza..

Dettagli

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-14041
presentata da
MAURIZIO TURCO
martedì 29 novembre 2011, seduta n.554

MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, FARINA COSCIONI, MECACCI e ZAMPARUTTI. - Al Ministro della difesa.- Per sapere - premesso che:

in base all'articolo 32, comma 2, della Costituzione italiana nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge;

in base all'articolo 5 della legge n. 135 del 1990 la rilevazione dell'infezione da HIV deve essere effettuata con modalità che non consentano l'identificazione della persona; nessuno può essere sottoposto ad analisi tendenti ad accertare l'infezione da HIV se non per motivi di necessità clinica nel suo interesse; sono consentite analisi di accertamento di infezione da HIV, nell'ambito di programmi epidemiologici, soltanto quando i campioni da analizzare siano stati resi anonimi con assoluta impossibilità di pervenire alla identificazione delle persone interessate; la comunicazione di risultati di accertamenti diagnostici diretti o indiretti per infezione da HIV può essere data esclusivamente alla persona cui tali esami sono riferiti; l'accertata infezione da HIV non può costituire motivo di discriminazione, in particolare per l'iscrizione alla scuola, per lo svolgimento di attività sportive, per l'accesso o il mantenimento di posti di lavoro;

in base all'articolo 6 della legge n. 135 del 1990 è vietato ai datori di lavoro, pubblici e privati, lo svolgimento di indagini volte ad accertare nei dipendenti o in persone prese in considerazione per l'instaurazione di un rapporto di lavoro l'esistenza di uno stato di sieropositività; alle violazioni di tali disposizioni si applica il sistema sanzionatorio previsto dall'articolo 38 della legge 20 maggio 1970, n. 300;

in base all'articolo 15, comma 3, della legge n. 359 del 1990 nessun provvedimento può essere preso nei confronti di chi abbia rifiutato di sottoporsi agli accertamenti per la ricerca di anticorpi HIV o di chi, sulla base di tali accertamenti, sia risultato essere sieropositivo;

nel 1994 si è espressa la Corte costituzionale - sentenza n. 218 - suggerendo che, qualora alcune attività lavorative o mansioni potessero comportare rischi di trasmissione dell'infezione verso terzi (in particolare questa ipotesi nasceva da un caso relativo ad attività in ambito sanitario) «dovrebbe» essere prevista la possibilità del datore di lavoro di richiedere all'interessato l'esecuzione del test, ciò perché l'interesse per la salute collettiva e la sua tutela, in base alle conoscenze medico-scientifiche dell'epoca, superava i diritti del singolo; che la conseguenza di questa sentenza possa essere quella di «screening di massa» è tuttavia espressamente negato dalla stessa Corte; la succitata sentenza demandava al legislatore il compito di individuare le eventuali mansioni che potessero esporre terzi a contrarre l'infezione da HIV e rispetto alle quali prevedere l'esecuzione del test. Ad oggi il Parlamento non si è mai espresso in tal senso; la Corte costituzionale con sentenza n. 218 del 1994 ha evitato di pronunciarsi sulla questione di costituzionalità dell'articolo 6, legge n. 135 del 1990, lasciando immutata la disciplina del «divieto per i datori di lavoro»; a conferma di ciò, la stessa cassazione penale, sezione III, nella sentenza 8 gennaio 1998, n. 43, ha statuito che costituisce il reato di cui all'articolo 6, legge n. 135 del 1990, e sono puniti a norma dell'articolo 38 Statuto dei lavoratori, il datore di lavoro e a titolo di concorso il medico che sottopongano all'esame per la ricerca della sieropositività lavoratori dipendenti o persone prese in considerazione per l'instaurazione di un rapporto di lavoro;

già nel marzo del 1994 la Commissione nazionale AIDS del Ministero della salute ha approvato un documento nel quale viene specificato che «sulla base delle conoscenze scientifiche disponibili sulle modalità di trasmissione dell'HIV non è giustificato, anzi sembra irragionevole, prevedere l'obbligatorietà di screening per l'HIV per gli operatori, anche del comparto sanitario». La Commissione, nel parere reso in relazione all'eccezione di incostituzionalità degli articoli 5 e 6 della legge, n. 135 del 1990 proposta dal pretore di Padova, ha effettuato una disamina dello stato delle conoscenze sulla trasmissione dell'infezione da HIV allo scopo di evidenziare quale sia il fondamento tecnico-scientifico delle disposizioni che non consentono l'esecuzione obbligatoria del test per l'accertamento dell'infezione da HIV; nel documento ha sostenuto che, seguendo le raccomandazioni dei Center for Diseases Control and Prevention statunitensi per la prevenzione della trasmissione del virus della immunodeficienza umana (HIV) che si basano sul rispetto delle precauzioni universali, pur in un settore particolarmente a rischio qual è quello sanitario, il rischio di infezione occupazionale può considerarsi solo ipotetico; ed ancora, la Commissione ha ricordato come la disciplina che è stata emanata nel nostro Paese, in coerenza con gli indirizzi delineati con decreto ministeriale 28 settembre 1990, ha definito l'insieme delle norme di protezione tanto per gli operatori delle strutture sanitarie che per quelli delle strutture assistenziali, sia pubbliche che private, con criteri di sistematicità e generalità per i diversi settori e ha rimarcato come le precauzioni previste sono da ritenersi adeguate tanto per la protezione degli operatori che per quelle delle persone assistite;

sulla scorta delle succitate valutazioni medico-scientifiche, imprescindibili per il corretto inquadramento della questione dei rischi di contagio e della loro ricorrenza in concreto, risulta dunque superata la questione della tutela dei terzi, da inquadrarsi, semmai, in un contesto di politica di prevenzione del rischio comportamentale del singolo in linea con le indicazioni elaborate dall'ILO nel 2001 con "Il Codice di condotta nei luoghi di lavoro per la prevenzione del contagio da HIV», documento che ha messo in evidenza che il rischio di trasmissione del virus HIV è strettamente collegato a comportamenti personali, specifici e non casuali, normalmente non ricorrenti nei luoghi di lavoro;

in Italia, all'esigenza di tutela dal rischio del contagio, ha risposto il legislatore con il decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, in materia di prevenzione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; com'è noto la normativa, modificata ed integrata con il decreto legislativo n. 81 del 2008 ed il decreto legislativo n. 106 del 2009, prevede misure generali di tutela volte alla valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori ed alla loro eliminazione in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico e, ove ciò non sia possibile, alla loro riduzione al minimo; in particolare viene in evidenza l'obbligo di informazione e formazione sui rischi e sulle misure di sicurezza, unici strumenti privilegiati di strategia prevenzionale anche nella prevenzione del rischio di infezione da virus HIV; ne deriva che il datore di lavoro ha l'obbligo di assumere le concrete misure prevenzionali in relazione alla rilevanza, alla specificità e alla attualità del rischio di contagio rendendo edotti i lavoratori sui metodi di prevenzione, a prescindere dallo stato sierologico dei singoli;

in base alle più recenti ed aggiornate conoscenze medico-scientifiche, richiedere un test per l'accertamento della positività per anticorpi HIV non costituisce garanzia che gli aspiranti concorrenti militari non siano entrati in contatto col virus in periodi immediatamente antecedenti o successivi all'esecuzione del test di cui sopra; la norma internazionale dell'ILO del 17 giugno 2010 ribadisce, peraltro, il divieto di esecuzione del test HIV in qualsiasi settore lavorativo, comprese Forze Armate, di polizia e corpi di vigilanza;

in Italia, malgrado in nessun ambito possa essere prevista l'esecuzione obbligatoria del test per HIV per accedere o mantenere un posto di lavoro, presso l'Amministrazione della difesa vengono indetti bandi di concorso pubblico nei quali è ancora previsto l'obbligo di presentazione del test anticorpale HIV in data non antecedente i tre mesi rispetto a quella di convocazione a visita medica collegiale di idoneità -:

se il Ministro interrogato sia a conoscenza di quanto sopra e quali iniziative intenda intraprendere per garantire il rispetto della normativa nazionale ed internazionale nelle procedure di selezione del personale della difesa. (4-14041)

   

Lpd - documenti sfogliabili  

  

 

   
© LPD - Laboratorio di Polizia Democratica