in italia primo farmaco per stabilizzare malati bpco

Dettagli
Categoria: Salute e Sicurezza del Lavoro
Creato Lunedì, 07 Novembre 2011 17:51
Visite: 1570

SALUTE: in italia primo farmaco per stabilizzare malati bpco =
(AGI) - Roma, 7 nov. - Per gli oltre 2,6 milioni di pazienti
affetti da BPCO (Broncopneumopatia cronica ostruttiva) arriva
un nuovo farmaco destinato a ridurre significativamente il
riacutizzarsi dei fenomeni e permettere quindi la
stabilizzazione del paziente con un significativo miglioramento
della qualita' di vita. Nycomed ha infatti annunciato oggi
l'avvio della commercializzazione anche in Italia di
Roflumilast, che contribuisce a prevenire le riacutizzazioni in
pazienti affetti da BPCO il cui fenotipo e' caratterizzato da
riacutizzazioni frequenti e bronchite cronica. Roflumilast e'
il primo farmaco di una nuova classe terapeutica, gli inibitori
della fosfodiesterasi 4 (PDE4), ed e' stato approvato in varie
nazioni, tra cui alcuni paesi dell'Unione Europea, gli Stati
Uniti e il Canada, per il trattamento della BPCO grave
associata a bronchite cronica. Il farmaco viene somministrato
per via orale una sola volta al giorno. "Roflumilast possiede
un meccanismo di azione esclusivo. L'enzima PDE4 e' presente in
una grande varieta' di cellule infiammatorie (inclusi
neutrofili e altri leucociti) che sono associate
all'infiammazione correlata alla BPCO. In queste cellule,
l'enzima PDE4 degrada l'adenosina monofosfato ciclico (cAMP) in
un composto inattivo. L'inibizione dell'enzima PDE4 previene la
degradazione del cAMP e ne mantiene i livelli elevati. Questo
riduce le funzioni pro-infiammatorie di queste cellule", ha
ricordato il prof. Francesco Blasi - Professore Ordinario
Malattie Apparato Respiratorio Universita' degli Studi di
Milano, Direttore UOC Pneumologia Fondazione Ca' Granda
Policlinico Milano. Quattro grandi studi randomizzati
controllati con placebo hanno mostrato che roflumilast riduce
significativamente le riacutizzazioni e migliora la
funzionalita' polmonare quando viene aggiunto a
broncodilatatori a lunga durata d'azione Roflumilast e'
generalmente ben tollerato.
La BPCO puo' essere prevenuta e trattata ma e' progressiva
ed e' un'importante causa di mortalita', morbilita' e costi
sanitari in tutto il mondo. Attualmente e' la quinta causa di
mortalita' al mondo e l'Organizzazione Mondiale della Sanita'
(OMS) prevede che arrivera' a essere la terza entro il 2030, a
meno che non si attuino azioni urgenti per ridurre i fattori di
rischio sottostanti, in particolare il fumo. L'OMS stima che in
tutto il mondo 80 milioni di persone soffrano di BPCO da
moderata a grave. Nel 2005, tre milioni di persone sono
decedute per la BPCO; questo dato corrisponde al 5% di tutti i
decessi a livello mondiale. (AGI)
Pgi
071641 NOV 11

NNNN