Blog Lpd di tutto di più. Oltre 70.000 notizie di libera consultazione.  

 

 

d

 

   

frascan web solutions

   

Area Riservata  

   

unidata

   

Pagine Facebook  

d Clicca qui

Sostituisce la piattaforma Google + che dal 2 aprile 2019 non sarà più visibile

 

   

Forme di collaborazione con il portale  

 

 

   

Modalità per consultare e/o ricevere soltanto il documento che interessa  

     

Per consultare e/o ricevere soltanto la notizia che interessa e per cui occorre la registrazione inquadra il QRCode  ed effettua una donazione a piacere.
Per sapere come ricevere poi il documento CLICCA QUI  






 

   

Calcolo della base pensionabile particolare riferimento alle somme ricevute per lavoro straordinario e per il trattamento economico accessorio (T.E.A).

Dettagli

d f

SENT. 1465/2011                   REPUBBLICA ITALIANA
                                                In nome del Popolo Italiano
                                                LA CORTE DEI CONTI
Sezione  Giurisdizionale per  la Regione Lazio in sede monocratica
Il Giudice Unico delle pensioni dott. Marcovalerio POZZATO
ha pronunciato la seguente
                                          S E N T E N Z A
sul ricorso iscritto al n.  69385 del registro di Segreteria,
proposto da -
avverso
il Ministero dell’Interno
l’INPDAP – Ufficio Territoriale Roma 2
Assiste questo Giudicante la signora Domenica Laganà.
Alla pubblica udienza del 12.10.2011 sono comparsi:
il ricorrente;
la dott.ssa Franca Di Curzio, per l’INPDAP.
Esaminati tutti gli atti e i documenti di causa.
                                               FATTO
Riferisce l’atto introduttivo del presente giudizio che:
il ricorrente ha prestato servizio nel corpo delle Guardie di Polizia di Stato dal 1.9.1967 e, successivamente, nella Polizia di Stato, sino al 28.2.2003;
dal 1.6.1992 sino al collocamento a riposo ha svolto servizio presso la Direzione Investigativa Antimafia ai sensi della L. 30.12.1991, n. 410;
durante tale periodo gli è stato riconosciuto un Trattamento Economico Aggiuntivo (T.E.A.), gravato di imposizione fiscale e previdenziale;
al sig. C. non viene corrisposta una pensione comprendente, in quota “B”, ai sensi dell’art. 12 del D. Lgs. 503/1992, il predetto T.E.A., malgrado l’espressa sua pensionabilità in ragione delle operate ritenute a tale titolo effettuate dall’Amministrazione.
Afferma il ricorrente il proprio diritto a percepire una pensione nella cui quota “B” sia incluso il T.E.A., con arretrati dal giorno dell’insorgere del diritto, maggiorati di interessi e rivalutazione monetaria.
L’Amministrazione INPDAP si è costituita in giudizio (29.4.2011) eccependo, in via preliminare, il difetto di legittimazione passiva e chiedendo, nel merito, la reiezione del gravame.
Il Ministero dell’Interno si è costituito in giudizio in data 6.9.2011, chiedendo il rigetto del gravame sulla base dell’attestata giurisprudenza.
L'INPDAP ha depositato, in data 30.9.2011, nuova memoria, rilevando che il trattamento di quiescenza del ricorrente risulta essere stato calcolato considerando il ricorrente già in possesso del diritto alla misura massima di pensione già alla data del 31.12.1992.
Nel corso dell’odierna udienza le parti hanno concluso riportandosi ai propri atti scritti.
                                               DIRITTO
La controversia in esame riguarda la domanda di inserimento nel calcolo della base pensionabile il trattamento accessorio con particolare riferimento alle somme ricevute per lavoro straordinario e per il trattamento economico accessorio (T.E.A).
Tali emolumenti, percepiti prima del collocamento a riposo, non sono stati inclusi dall'Amministrazione nella base pensionabile.
Il ricorso è sprovvisto di giuridico fondamento, sulla base dell’orientamento dell’attestata giurisprudenza (cfr., per tutte, Sez. III app., sent. n. 1037/2011), cui questo Giudicante non ritiene di discostarsi.
Le resistenti Amministrazioni dell’Interno e INPDAP negano il diritto affermato dal ricorrente nella considerazione che alla data del 31.12.1992 (in applicazione dell’art. 13 D. Lgs. 503/1992) l’interessato era già in possesso del requisito contributivo stabilito dall’art. 6 della L. 1543/1963 per il conseguimento del massimo della pensione.
Ne consegue che (cfr. Sez. III app., sent. n. 72/2008) nei confronti dell’interessato può procedersi al calcolo del trattamento di quiescenza con riguardo alla sola “quota A”, alla quale resta estraneo il beneficio in questione.
Giova rammentare che il menzionato quadro norma­tivo, connesso al riordino del sistema previ­denziale dei la­voratori pubblici e privati, ha introdotto un nuovo modello di calcolo della pensione, da determinare in base alla sommatoria:
della “quota A”, corrispondente all’importo relativo alle “anzia­nità contributive acquisite” anteriormente al 1.1.1993, con riferimento alla data di decorrenza del trattamento se­condo la normativa vigente precedentemente al 31.12.1992;
della “quota B”, corrispondente all’importo relativo alle “anzianità contributive acquisite” dal 1.1.1993.
In tale contesto la “quota A” di pensione trova di­sciplina nell’art. 43 del d.P.R. 29.12.1973 n° 1092 (nel testo sosti­tuito dall’art. 15 della L. 177/1976) e correlativa indicazione tassativa degli emolumenti ricompresi nella “base pensionabile” soggetta alla maggiorazione del 18% ivi prevista (e con precisazione che, agli stessi fini, “nessun altro assegno o indennità, anche se pensio­nabile, possono essere considerati se la relativa disposizione di legge non ne preveda espressamente la valutazione nella base pen­sionabile”).
La 335/1995 ha successivamente introdotto un diverso modello pensionistico, secondo cui, a de­cor­rere dal 1.1.1996, tutti gli emolumenti corrisposti al lavo­ra­tore (con l’eccezione di quelli indicati nell’art. 12 della L. 153/1969), che attengano sia al cosiddetto trattamento fondamentale che a quello accessorio, concorrono a formare la base contributiva e pertanto anche, per effetto della riforma intro­dotta, quella pensionabile.
In questo quadro, viene a mutare la caratteristica del carattere della “pensionabilità” delle voci economiche componenti il trattamento economico di attività, con l’abbandono del criterio tassativo che contraddistingue la “quota A”.
Nella fattispecie, il trattamento accessorio percepito durante il servizio prestato presso la D.I.A. del ricorrente è pensionabile secondo le modalità previste dall’art. 2, c. 9, 10 e 11 della L. 335/1995; in particolare, dall’1.10.1996, per i dipendenti delle Amministrazioni pubbliche, si applica, ai fini della determinazione della base contributiva e pensionabile, l’art. 12 della L. 153/1969, e successive modificazioni e integrazioni.
Ai sensi del citato art. 2, c. 11 gli emolumenti accessori entrano a fare parte della base pensionabile e concorrono alla determinazione della quota B del trattamento di pensione; in questo contesto, può essere applicato il menzionato quadro normativo solo quei dipendenti che, alla data del 31.12.1992, non avevano maturato l’anzianità massima prevista dall’ordinamento di appartenenza.
Il ricorrente aveva maturato, al 31.121992, un’anzianità utile di oltre 30 anni, superiore all’anzianità massima prevista dall’ordinamento di appartenenza, sicchè la pensione doveva essere calcolata in una sola quota (la “A”), ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 503/1992.
In relazione al motivo legato all’avvenuto assoggetta­mento degli emolumenti in questione a ritenuta previdenziale, va notato che la pensione del ricorrente è stato calcolata sulla base del “sistema retributivo”, secondo criteri che non pongono un rigido rapporto di corrispon­denza tra il dato complessivo della contribuzione e l’importo della pen­sione che ne deriva (cfr. Sez. III app., sent. n. 72/2008).
P.Q. M.
La Sezione giurisdizionale della Corte dei conti per la Regione Lazio,  in composizione monocratica, definitivamente pronunciando
                                   RESPINGE
il ricorso in epigrafe.
Spese compensate.
Così deciso in Roma in data 12.10.2011
                                                     IL GIUDICE UNICO
f.to (cons. Marcovalerio Pozzato)                         
Pubblicata mediante deposito in Segreteria il 17/10/2011
                                        P. Il Direttore
         IL RESPONSABILE DEL SETTORE PENSIONISTICO
                                  f.to Paola ACHILLE
 
SEZIONE
ESITO
NUMERO
ANNO
MATERIA
PUBBLICAZIONE
LAZIO
Sentenza
1465
2011
Pensioni
17-10-2011


   

Lpd - documenti sfogliabili  

  

 

   
© LPD - Laboratorio di Polizia Democratica