Blog Lpd di tutto di più. Oltre 70.000 notizie di libera consultazione.  

 

 

d

 

   

frascan web solutions

   

Area Riservata  

   

unidata

   

Pagine Facebook  

d Clicca qui

Sostituisce la piattaforma Google + che dal 2 aprile 2019 non sarà più visibile

 

   

Forme di collaborazione con il portale  

 

 

   

Modalità per consultare e/o ricevere soltanto il documento che interessa  

     

Per consultare e/o ricevere soltanto la notizia che interessa e per cui occorre la registrazione inquadra il QRCode  ed effettua una donazione a piacere.
Per sapere come ricevere poi il documento CLICCA QUI  






 

   

diabete,1 mln pazienti a rischio infarto 'silenzioso'

Dettagli

SALUTE

:diabete,1 mln pazienti a rischio infarto 'silenzioso'

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Sono 4 milioni gli italiani che
soffrono di diabete e uno su quattro e' a rischio di infarto
'silenzioso' che aumenta la probabilita' di morte improvvisa. Il
25% dei diabetici, infatti, puo' andare incontro ad una
cardiopatia ischemica, che non avendo sintomi fa ritardare
l'accesso al pronto soccorso e alle unita' coronariche. E'
quanto emerso in un incontro a Milano promosso dalla Societa'
italiana di diabetologia (Sid) in cui e' stato presentato un
documento, pubblicato sulla rivista Nutrition, Metabolism and
Cardiovascular Diseases, sulle prassi da usare per i pazienti
che potrebbero incorrere in un'ischemia silente.
""In Italia ci sono 4 milioni di persone che soffrono di
diabete e per loro il rischio di incorrere in un infarto o
un'angina Š di 3-4 volte superiore rispetto ai soggetti non
diabetici di pari et… - afferma Antonio Bossi, presidente della
Societ… Italiana Diabetologia della Lombardia -. Esiste poi una
quote rilevante di diabetici, circa il 25% del totale che
rischia di aver un infarto senza che si presenti alcun sintomo.
In questo caso, l'ischemia miocardica pu• anche essere indotta
da un'ipoglicemia asintomatica che crea una sofferenza del
cuore".
"Gli indicatori che ci dicono se si deve sospettare una
ischemia silente a livello cardiaco - aggiunge PierMarco Piatti,
coordinatore scientifico del progetto del Gruppo Diabete e
Arteriosclerosi della Sid - sono la proteina C reattiva, la
microalbuminuria e la disfunzione erettile. A questo punto,
sappiamo a chi poter consigliare un approfondimento diagnostico
con elettrocardiogramma da sforzo, proseguendo con un protocollo
di indagini cardiovascolari che pu• arrivare fino alla
coronarografia; questa, ovviamente, Š prevista solo nei casi in
cui Š altamente probabile la presenza una condizione
patologica". (ANSA).

NAN-COM
23-OTT-11 12:12 NNNN

   

Lpd - documenti sfogliabili  

  

 

   
© LPD - Laboratorio di Polizia Democratica