occhio a troppe vitamine, rischi mortali per lei

Dettagli
Categoria: Salute e Sicurezza del Lavoro
Creato Martedì, 11 Ottobre 2011 10:42
Visite: 1575

SALUTE:

occhio a troppe vitamine, rischi mortali per lei =
MAXI-RICERCA SU DONNE DI 50-60 ANNI

Roma, 11 ott. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Bando agli eccessi,
almeno quando si tratta di vitamine. A mettere in guardia gli
appassionati di polverine e pillole sono i ricercatori del team di
Jaakko Mursu dell'University of Eastern Finland, autori di uno studio
pubblicato sugli 'Archives of Internal Medicine'. Gli scienziati hanno
scoperto, infatti, un legame tra dosi massicce di vitamine e un piu'
alto tasso di morte tra le donne di una certa eta'.

Gli esperti sospettavano da tempo che gli integratori possono
essere utili solo se una persona ha carenze di nutrienti specifici.
Ora si scopre che l'eccesso puo' anche nuocere. La ricerca ha
esaminato donne di 50 e 60 anni, generalmente ben nutrite, che avevano
deciso comunque di prendere integratori. Multivitaminici, acido
folico, vitamina B6, magnesio, zinco, rame e ferro, in particolare,
sembrano aumentare il rischio di mortalita' nelle 'over 50'.

Nel lavoro sono state esaminate 38.000 donne statunitensi, che
hanno dovuto ricordare quali e quanti integratori avessero assunto
negli ultimi due decenni. Pur ammettendo qualche difficolta' - dovuta
proprio alla precisione dei dati raccolti 'a memoria', e anche al
fatto di dover tenere di tutti i fattori di salute generale che
potrebbero aver influenzato i risultati - i ricercatori sostengono che
i dati suggeriscono una conclusione chiara: gli integratori dovrebbero
essere utilizzati solo se c'e' un motivo medico per farlo. Altrimenti
si rischia di fare piu' male che bene. (segue)

(Mal/Ct/Adnkronos)
11-OTT-11 12:38

NNNN
SALUTE: OCCHIO A TROPPE VITAMINE, RISCHI MORTALI PER LEI (2) =

(Adnkronos/Adnkronos Salute) - "Sulla base delle prove
esistenti, vediamo poche giustificazioni per l'uso generale e
capillare degli integratori" dice Mursu. Nello studio, le compresse a
base di ferro sono state collegate a un piccolo (2,4%) aumento del
rischio di morte, cosi' come molti altri integratori. Il legame con il
ferro e' risultato dose-dipendente. Al contrario, con gli integratori
di calcio sembra diminuire il rischio mortale. Tuttavia si tratta di
un dato da verificare, sottolineano gli autori. Insomma, non e' il
caso di assumere calcio senza indicazione medica, sperando di vivere
piu' a lungo.

Secondo Christian Gluud e Goran Bjelakovic, che hanno rivisto lo
studio per la Cochrane Database of Systematic Reviews, "il paradigma
'piu' sono e meglio e'', in effetti, e' sbagliato". Insomma, il fai da
te potrebbe portare ad assumere sostanze di cui non c'e' bisogno, in
dosi tossiche per l'organismo.

(Mal/Ct/Adnkronos)
11-OTT-11 12:46

NNNN